Da inizio mese il governo Conte II ha già posto due volte la fiducia su provvedimenti in discussione, prima sul decreto fiscale e poi sul decreto clima. Considerando i 3 decreti in scadenza nelle prossime 2 settimane, e la discussione sulla manovra, è immaginabile che i voti di fiducia continueranno.

Anche lo scorso governo (Conte I) aveva abusato della fiducia nel mese di dicembre, utilizzando lo strumento ben 5 volte. Da monitorare anche l’utilizzo dei maxi emendamenti, elemento ricorrente quando è in discussione la legge di bilancio, e su cui spesso, come l’anno scorso, viene posta la fiducia.

FONTE: dati ed elaborazione openpolis

Fuori dal comune

Dal 2010 quasi un comune su 5 è stato sciolto o commissariato almeno una volta. Un tema che resta costantemente sottotraccia nel dibattito pubblico, nonostante riguardi la stabilità (e spesso la legalità) degli enti locali.

Approfondisci
Esercizio #17
Think tank e fondazioni politiche
53.904
i politici su cui la commissione di garanzia deve monitorare. Ma, per sua stessa ammissione, non ha i mezzi per farlo

Potere politico

Cresce il ruolo delle regioni nella politica di oggi Referendum

Sono sempre più centrali nello stabilire l'agenda della politica nazionale: dal dibattito sull'autonomia differenziata, al loro peso nella futura scelta per il nuovo presidente della repubblica. Perché molti politici nazionali lasciano il parlamento per farsi eleggere in regione.

Tante Italie dove crescere

Dove nasci e cresci è una delle variabili che più decide le opportunità a disposizione del minore. Una serie di mappe per approfondire la condizione dei minori e i servizi loro rivolti.

Approfondisci
Esercizio #15

Il calcolo disuguale

Il sistema di finanziamento ai comuni introdotto dalla riforma del titolo V non è efficace nel ridurre il divario interno tra il sud e il resto del paese. Cerchiamo di fare luce sugli effetti del federalismo fiscale, in particolare sulla distribuzione di risorse agli enti locali per i servizi.

Approfondisci
Esercizio #14

Osservatorio Foia

Centri d'Italia: la sicurezza dell'esclusione

Il decreto sicurezza ha modificato per l’ennesima volta il sistema di accoglienza con l’obiettivo dichiarato di ridurre i costi. I primi effetti sono però l’aumento degli irregolari e il complicato avvio di un modello di accoglienza che non prevede percorsi d’integrazione.

Approfondisci
Esercizio #13

Povertà educativa

Lo spopolamento dei minori: il caso dell’Emilia Romagna

L'Emilia Romagna è la regione del nord dove i minori sono aumentati di più negli anni, ma il fenomeno non ha interessato in modo omogeneo tutto il territorio. Abbiamo ricostruito la variazione della popolazione minorile in tutti i comuni delle nove province, dal 2012 a 2018.


Cooperazione

L’aiuto allo sviluppo e la lotta alle disuguaglianze Cooperazione

La crescita delle disuguaglianze è un tratto caratteristico di questo tempo e il contrasto a questo fenomeno è stato inserito tra gli obiettivi di sviluppo sostenibile delle Nazioni Unite. Su questo l'aps può dare un contributo determinate ma per ora non è stato fatto abbastanza.

Cooperazione Italia, un'occasione sfumata

Nel 2018 le risorse destinate alla cooperazione sono calate del 21,3% rispetto all’anno precedente. Questa riduzione allontana il nostro paese dagli impegni presi in sede internazionale rendendo sempre meno credibile l’obiettivo di raggiungere lo 0,30% aps/rnl nel 2020.

Approfondisci
Esercizio #10

Bilanci dei comuni

Accoglienza

I centri di accoglienza in Italia, la spesa e i contratti pubblici

In Italia tra il 2012 e il 2017 sono stati oltre 10mila i contratti pubblici attraverso cui è stato finanziato il sistema di accoglienza. I dati su questi contratti contengono informazioni importanti, che con questo approfondimento vengono per la prima volta analizzate e diffuse pubblicamente.

Propaganda social

Ricomincia la propaganda online Propaganda social

Per il lancio di Italia Viva Matteo Renzi ha speso oltre 4.000 euro in inserzioni su Facebook. Tra i grandi leader, e i principali partiti, è quello che si è mosso per primo. Ma anche Salvini ha ricominciato con le sponsorizzazioni.

Good Link

Prospettive e criticità del fenomeno del food delivery GoodLink

Il tema del food delivery solleva molte questioni tipiche dell'economia digitale e dell'effetto che produce sulla società, a partire dal difficile rapporto con i lavoratori del settore, i cosiddetti riders, ma anche rispetto all'impatto che questi servizi hanno sulle nostre città.

Dati e analisi sulla realtà carceraria GoodLink

In Italia oltre 60mila persone vivono recluse in carcere. Secondo la nostra costituzione la detenzione dovrebbe tendere alla rieducazione del condannato ma i molti problemi delle carceri e le difficili condizioni di sovraffollamento rendono spesso disumane le condizioni di detenzione.

Il parlamentarismo nell’epoca dei dati GoodLink

Nel tempo le istituzioni democratiche si sono evolute, ma hanno anche attraversato momenti di crisi. L'epoca dei dati offre grandi opportunità per coinvolgere maggiormente i cittadini nella gestione della cosa pubblica, ma presenta anche delle nuove sfide.

Rassegna stampa

Circo Massimo
5 Dicembre 2019

Il calo della spesa in educazione durante la crisi

In alcuni casi una contrazione della spesa può tradursi una migliore allocazione delle risorse. Ma può anche colpire la qualità dell'istruzione, soprattutto in una fase in cui puntare su questo settore è importante anche per la crescita economica.
Il Fatto Quotidiano
30 Novembre 2019

Il rapporto tra fondazioni e partiti politici

Con l’approvazione dello spazzacorroti, poi modificato dal decreto crescita, il parlamento ha equiparato fondazioni, associazioni e comitati politici ai partiti.

Ultimi eventi

Roma
2 Dicembre 2019

I dati delle città

Le politiche e le sperimentazioni per un diverso governo delle città digitali. I risultati prodotti nelle città dalle politiche di open data in termini di trasparenza, partecipazione, inclusione.
Roma
20 Novembre 2019

Fare politica senza fondi pubblici

Come l'abolizione del finanziamento pubblico ai partiti ha cambiato il modo di fare politica in Italia. Un sistema ora più difficile da monitorare e forse più vulnerabile.

Informativa

Questo sito o gli strumenti terzi da questo utilizzati si avvalgono di cookie necessari al funzionamento ed utili alle finalità illustrate nella privacy policy. Se vuoi saperne di più o negare il consenso, consulta la cookie policy. Chiudendo questo banner, acconsenti all’uso dei cookie.